Oggi è 24/04/2014, 13:03



Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
 Tronco: come proteggerlo 
Autore Messaggio
che faccio? continuo?
che faccio? continuo?

Iscritto il: 27/10/2006, 17:08
Messaggi: 104
Località: Roma (RM)
Salve a tutti ,
non sò se questa è la sezione più congeniale per questo topic
e quindi spero che non mi "richiamerete".
Diciamo che leggendo il topic "asportare corteccia" mi è venuto un atroce dubbio.
Circa due anni fà ho letteralmente scavato un tronco completo di corteccia,
come se ci dovessi fare una fioriera.
In realtà l'idea era quella di farci un particolare lampadario ma non è mai decollata.
Comunque, adesso il tronco è lì e non ci ho prestato particolare attenzione,
nel senso che dopo essermi fatto il mazzo per scavarlo ho lasciato il risultato lì senza effettuare nessun trattamento particolare sul trono.

L'idea adesso è di farci una sorta di contenitore per bottiglie (parliamo di un tronco si sezione
tra i 20 e i 40 centimetri lungo una metrata) da tenere dentro casa. L'aspetto che questo oggetto dovrebbe avere è quella più naturale possibile.

Leggendo il topic a cui facevo riferimento in realtà mi è venuto lo spiacevole dubbio che
forse almeno il trattamento anti-tarlo l'avrei dovuto fare. Penso anche che qualcosa per nutrire il legno dovrei darglielo, nel tempo infatti vedo che la corteccia è come se stesse perdendo colore.... come se stesse sbiadendo.


Adesso mi domando mi devo preoccupare per non aver fatto il trattamento anti-tarlo prima ?
Non è che mi sono già infestato casa con i tarli e non me ne sono accorto ???


19/08/2008, 13:39
Profilo
Puntone del forum
Puntone del forum
Avatar utente

Iscritto il: 25/10/2004, 9:46
Messaggi: 8849
Località: roma
Tanto per cominciare bisognerebbe sapere almeno di che legno si tratta.
Non è detto che per forza debba essere infestato.
Una passata di antitarlo non fa mai male.
Piuttosto il rischio è che la corteccia si stia distaccando.
Che dirti, controlla per bene che non ci siano buchi e se la corteccia si sta staccando, cerca di sollevarla leggermente e di controllare la presenza di parassiti.
Magari mettici sotto un sacco della spazzatura aperto tenendo il tronco un pò sollevato con un paio di pezzi di legno e controlla se dopo qualche giorno vedi polverine sul sacco che essendo nero ti aiuta a vederle.
Magari metti il tutto in un luogo silenzioso e cerca di ascoltare, preferibilmente di notte, se senti rumorini sospetti.
Altro non mi viene in mente.
In fondo due anni di stagionatura non sono da buttare.

_________________
Ubi Labor, Ibi Uber.


20/08/2008, 9:54
Profilo WWW
che faccio? continuo?
che faccio? continuo?

Iscritto il: 27/10/2006, 17:08
Messaggi: 104
Località: Roma (RM)
raoul ha scritto:
Tanto per cominciare bisognerebbe sapere almeno di che legno si tratta. .

Penso sia pino
raoul ha scritto:
Non è detto che per forza debba essere infestato.

Penso in realtà che non lo sia...... ancora. Ecco perchè ho scritto per cercare di prevenire.
raoul ha scritto:
Piuttosto il rischio è che la corteccia si stia distaccando.

Hai preso in pieno il problema come posso fare per fermare questo fenomeno ???
E poi se ci passo l'anti-tarlo come faccio con la corteccia ? e sotto la corteccia ???
Quali altre attenzioni mi conviene adottare ?

raoul ha scritto:
In fondo due anni di stagionatura non sono da buttare.

Potenzialmente dopo quanto si "manifestano" gli antipatici animaletti ? Ma che fanno volano pure (quindi devo stare attento a qualsiasi cosa gli stia vicino)??


Altra domanda eventualemente esiste qualcosa per nutrire il legno ?? Secondo voi, è importante passarlo nel mio caso ? Sono in ritardo ?


20/08/2008, 13:23
Profilo
Puntone del forum
Puntone del forum
Avatar utente

Iscritto il: 25/10/2004, 9:46
Messaggi: 8849
Località: roma
Il suocero di mio figlio mi sta regalando, un pò per volta, dei pezzi di pino marittimo che ricavò, un paio di anni fà, da una drastica potatura di un grande albero nel suo giardino.
Non furono assolutamente protetti, dato che voleva usarli per il barbecue, ma, visto che i vicini non erano molto d'accordo, ne sto usufruendo io.
Alcuni pezzi presentano gallerie tipo traforo del Frejus ma completamente vuote e si tratta evidentemente di parassiti del legno vivo.
Altri sono letteralmente ripieni di insetti simili a grosse formiche volanti e di larve dalla classica forma ... tarlatoria!
Altri sono praticamente integri.
Alcuni hanno la corteccia che si stacca solo a fargli ... Buuu!
E certi pezzi sembrano appena tagliati, con la corteccia perfettamente aderente.
Ma tutti provengono dallo stesso albero, tagliati lo stesso giorno e ammucchiati nello stesso posto.
Ora, venedo al tuo tronco, dato che non ha dimensioni enormi direi di trattarlo come se fosse infestato.
Inchiodaci sotto due listelli di legnaccio, da tre o quattro cm, in modo che resti sollevato, poi chiudilo in un bel telo di plastica, magari due sacchi per la spazzatura, dopo averlo ben impregnato di antitarlo e metti nello spazio rimasto sotto il tronco, tra i due listelli, una ciotolina con un pò di antitarlo dentro.
Dopo un paio di settimane tiralo fuori e fagli prendere aria.
Il distacco della corteccia è normale, nel pino poi avviene anche sull'albero in piedi.
Dovrebbe dipendere dal fatto che, asciugandosi, il tronco si riduce di dimensioni e la corteccia resta al suo posto.
Ma aspetta altri pareri di gente più esperta in questo campo.
Se il distacco è già in atto penso che l'unica soluzione sia quella di reincollarla, colando tra corteccia e tronco della vinilica D4 diluita e nastrando il tutto, per fare aderire la corteccia al tronco.
Poi a lavoro finito un bel paio di mani di impregnante.

_________________
Ubi Labor, Ibi Uber.


21/08/2008, 9:59
Profilo WWW
vabbè sei dei nostri!
vabbè sei dei nostri!

Iscritto il: 08/10/2007, 22:36
Messaggi: 1926
Località: tramutola
io direi che hai scelto il legno meno adatto a tale scopo. non perderci più tempo e mettilo nel barbecu.........


25/08/2008, 22:37
Profilo
Puntone del forum
Puntone del forum
Avatar utente

Iscritto il: 25/10/2004, 9:46
Messaggi: 8849
Località: roma
Orco Vito, sei davvero drastico, ma non hai tutti i torti.
:risatona:
Ad essere pignoli non sarebbe il massimo neanche per il barbecue.
Brucia troppo in fretta, la brace è scadente e la resina conferisce un aroma che non mi garba per niente alle salsicce.

_________________
Ubi Labor, Ibi Uber.


26/08/2008, 10:33
Profilo WWW
Fanatico
Fanatico

Iscritto il: 27/01/2007, 4:24
Messaggi: 2794
Località: Cesena-Pesaro
raoul ha scritto:
Orco Vito, sei davvero drastico, ma non hai tutti i torti.
:risatona:
Ad essere pignoli non sarebbe il massimo neanche per il barbecue.
Brucia troppo in fretta, la brace è scadente e la resina conferisce un aroma che non mi garba per niente alle salsicce.

:risatona: :risatona: :risatona: :risatona: :risatona:
ma sarai pignolo?!

_________________
Immagine


26/08/2008, 16:04
Profilo WWW
Puntone del forum
Puntone del forum
Avatar utente

Iscritto il: 25/10/2004, 9:46
Messaggi: 8849
Località: roma
Beemottino caro, si fa quel che si può! :basins:
Ma vuoi mettere una brace di quercia e di olivo o acacia?
Senza trascurare la vite ed altri legni.

_________________
Ubi Labor, Ibi Uber.


27/08/2008, 15:07
Profilo WWW
Passavo di qui per caso
Passavo di qui per caso

Iscritto il: 28/08/2007, 16:36
Messaggi: 391
Località: Palermo
Ciao a tutti,
"colgo la palla al balzo", come diceva quello che castrava i canguri.
Un mio vicino di campagna ha fatto abbattere un pino di una quarantina d'anni, poichè pericolosamente inclinato verso una proprietà limitrofa, a parte le discussione che si sono innescate sull'opportunità dell'abbattimento ne è nata una ulteriore sull'uso o meno dei ciocchi nel camino.
Alcuni sostengono ch non vi sono remore, altri invece dicono che è da evitare assolutamente poichè la resina finirebbe con intasare lo scarico dei fumi.
Terribile dilemma che in un mondo pacifico e traboccante d'amore per il prossimo, rischia di turbare la malinconica serenità di questo scorcio di fine estate.
Voi cosa ne pensate?

Ciao,
Lorenzo


27/08/2008, 15:43
Profilo
Puntone del forum
Puntone del forum
Avatar utente

Iscritto il: 25/10/2004, 9:46
Messaggi: 8849
Località: roma
In effetti il fumo " resinoso " sporca la canna fumaria.
Se non hai niente di meglio da farci brucialo alternando legni duri.

_________________
Ubi Labor, Ibi Uber.


27/08/2008, 15:46
Profilo WWW
Passavo di qui per caso
Passavo di qui per caso

Iscritto il: 29/01/2008, 19:38
Messaggi: 292
Località: Santa Giustina (Belluno)
Non vorrei fare il saputello... ma prima di intasare la canna fumaria ci vuole altro che un tronco, dovresti passare anni a bruciare solo conifera.
Dalle parti mie, il legno di conifera tagliato per scopi combustibili viene lasciato a riposo in zona aerata per un paio d'anni almeno, così da farlo "spurgare" della parte volatile (terpeni) che se cotta evapora, diventa appiccicosa e si attacca ai tubi. Evitare quindi di bruciare conifera di recente abbattimento!
Sarebbe bene, come dice Raoul, alternare la conifera a carpino o faggio...ma giusto per evitare il "sovraccarico" e prolungare il periodo fra una pulizia e l'altra; meglio ancora, mescolare la conifera ad altri legni in modo da non "sputare" resina tutta insieme, e per ovvie questioni di migliore rendimento del fuoco.
In caso di canna sporca, un metodo barbaro ma efficace usato dai vecchi consiste nello "imballare" periodicamente il caminetto/larìn/stufa di legno d'abete, magari con qualche frasca secca, in modo da produrre fiamme alte che invadono la canna, facendone alzare la temperatura e bruciando quindi parte dell'appiccicume attaccato. :spav: Al giorno d'oggi c'è pure lo spazzacamino chimico, nato proprio per risolvere questi problemi in modo più "chic".
Conosco persone che bruciano abete, larice e pino da una vita, con il camino che tira imperterrito...non credo che sarà una settimana di pino che scoppietta nel camino a creare problemi!
Ciao
Luca


04/09/2008, 11:52
Profilo WWW
Fanatico
Fanatico

Iscritto il: 27/01/2007, 4:24
Messaggi: 2794
Località: Cesena-Pesaro
lucatopo1 ha scritto:
...In caso di canna sporca, un metodo barbaro ma efficace usato dai vecchi consiste nello "imballare" periodicamente il caminetto/larìn/stufa di legno d'abete, magari con qualche frasca secca, in modo da produrre fiamme alte che invadono la canna, facendone alzare la temperatura e bruciando quindi parte dell'appiccicume attaccato... ...Conosco persone... Che hanno incendiato la canna fumaria con quel sistema Luca! :lol: Ocio.

_________________
Immagine


04/09/2008, 23:01
Profilo WWW
Passavo di qui per caso
Passavo di qui per caso

Iscritto il: 29/01/2008, 19:38
Messaggi: 292
Località: Santa Giustina (Belluno)
Beemot ha scritto:
lucatopo1 ha scritto:
...In caso di canna sporca, un metodo barbaro ma efficace usato dai vecchi consiste nello "imballare" periodicamente il caminetto/larìn/stufa di legno d'abete, magari con qualche frasca secca, in modo da produrre fiamme alte che invadono la canna, facendone alzare la temperatura e bruciando quindi parte dell'appiccicume attaccato... ...Conosco persone... Che hanno incendiato la canna fumaria con quel sistema Luca! :lol: Ocio.


ma va là... :prr: l'ho fatto anch'io, sono saliti i vicini terrorizzati perchè uscivano le fiamme dal camino...che però è ancora bello intero e anzi meglio di prima!!! :applauso: ma dalle parti vostre come le fate, le canne fumarie? anzi no, lascia perdere... domanda sbagliata, non voglio saperlo :nono: :vergogna: :vergogna: :vergogna:
:peace: :ciaociao:


04/09/2008, 23:24
Profilo WWW
Passavo di qui per caso
Passavo di qui per caso

Iscritto il: 23/12/2002, 17:25
Messaggi: 398
Località: Brendola (VI)
Beemot ha scritto:
lucatopo1 ha scritto:
...In caso di canna sporca, un metodo barbaro ma efficace usato dai vecchi consiste nello "imballare" periodicamente il caminetto/larìn/stufa di legno d'abete, magari con qualche frasca secca, in modo da produrre fiamme alte che invadono la canna, facendone alzare la temperatura e bruciando quindi parte dell'appiccicume attaccato... ...Conosco persone... Che hanno incendiato la canna fumaria con quel sistema Luca! :lol: Ocio.


E non so se sia una leggenda metropolitana, in caso che prenda fuoco per sbaglio la canna fumaria, bisogna mettere un fucile dentro e sparare una fucilata...
Qui da noi l'ho sentita spesso sta storia...chissà se è vera.
Domenico.


05/09/2008, 0:03
Profilo WWW
Passavo di qui per caso
Passavo di qui per caso

Iscritto il: 29/01/2008, 19:38
Messaggi: 292
Località: Santa Giustina (Belluno)
domenico p. ha scritto:
Beemot ha scritto:
lucatopo1 ha scritto:
...In caso di canna sporca, un metodo barbaro ma efficace usato dai vecchi consiste nello "imballare" periodicamente il caminetto/larìn/stufa di legno d'abete, magari con qualche frasca secca, in modo da produrre fiamme alte che invadono la canna, facendone alzare la temperatura e bruciando quindi parte dell'appiccicume attaccato... ...Conosco persone... Che hanno incendiato la canna fumaria con quel sistema Luca! :lol: Ocio.


E non so se sia una leggenda metropolitana, in caso che prenda fuoco per sbaglio la canna fumaria, bisogna mettere un fucile dentro e sparare una fucilata...
Qui da noi l'ho sentita spesso sta storia...chissà se è vera.
Domenico.


così se per caso il camino non aveva ancora ceduto, si ci assicura un pronto e rapido crollo di tutta la struttura, e magari vien giù la casa intera :risatona: :risatona: :risatona:
a parte gli scherzi... probabilmente è un sistema che funziona, i vecchi non facevano le cose a casaccio...al limite ci mettevano su un po' di superstizione. D'altronde, per spegnere gli incendi dei pozzi petroliferi si usa l'esplosivo. Fatte le debite proporzioni... ci siamo! :ok:


05/09/2008, 0:16
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010