Spedito da Alessandra - Vorrei delle informazioni basilari circa la scultura del legno, cosa che non ho ancora mai fatto. In particolare oltre alle tecniche e modalità fondamentali vorrei informazioni riguardo gli utensili da utilizzare e i tipi di legno più idonei alla scultura.

(Gimmi) Mio nonno era povero, lavorava in miniera nella valle di scalve... Faceva i cucchiai di legno, scodelle e piatti, mi diceva sempre ke usava l'acero montano. Lui usava solo il coltello, ma dovevi vedere cosa faceva. Per intagliare di solito si usa il cirmolo, assomiglia al pino, ma non saltano via i nodi. 20 anni fa ho fatto una civetta ke ho visto su un'enciclopedia del far da se, ed ho incollato 2 pezzi di rovere, per essere stata la prima non era male. Il pannello della cappa della mia cucina, ha scolpito dentro il nome di mia moglie, ed è fatto in abura. Il legno è importante ma non determinante, importante è usare attrezzi ke tagliano molto e non pretendere tutto subito. Dovresti comprare una serie di scalpelli di qualità e un'altra serie di sgorbie, penso ke prima di imparare a scolpire sia meglio imparare ad affilare gli utensili.

(Michele A.) Complimenti! Hai scelto una bella via espressiva, che, come tutte le vie belle è anche impegnativa. Inizia comprando poco ma buono: se vuoi qualità da ciò che fai devi preparati al fatto che gli attrezzi validi costano. Affila alla pietra: gli attrezzi da scultore sono per lo più a basso legame e così assai sensibili al calore generato dalle (comode) mole a secco. Un attrezzo mal affilato è per prima cosa assai pericoloso, (e agli attrezzi, mi raccomando, dai sempre del lei....) scolpendo, per la forza eccessiva che richiede. Usa solo le mani per guidare la sgorbia o il coltello, e solo dove la forza non basta, colpiscile con un mazzuolo di legno. E' assai utile crearsi modelli in creta di ciò che vuoi fare, e riportare le misure, segnando con matite morbide, sul pezzo: il pezzo si blocca al banco con la vite da scultore. Non ti lasciar tentare dai legni duri, pur se alcuni sono ottimi per la scultura, come noce e mogano, bosso, acero....li userai dopo: per ora ogni legno tenero e compatto e fine di grana ti aiuta: tiglio, abura, pioppo, cirmolo..... Se invece cerchi una scorciatoia ci sono elettroutensili di tipo professionale come il motoflex Dremel (costoso), che con le loro microfrese e l'albero motore flessibile ti consentono quasi di disegnarci, sul legno....

(Giacomo M.) Confermo quanto detto da Gimmi. L'intaglio a coltello è tipico delle zone rurali e montane, è un intaglio di tipo tradizionale che ha dato alla luce non pochi capolavori. La scultura è una cosa molto complessa, specie per il legno, che ha caratteristiche proprie e non sempre confacenti alla volontà di chi lo lavora. Il primo passo è dotarsi di un buon set di sgorbie, ne esistono di molte forme. Devono essere di buon acciaio e, a meno che non siano occasioni, lascia perdere quelle che costano poco. Una buona sgorbia va dai 20 agli 80 euro. Il legno va scelto in virtù dell'oggetto da realizzare, legni compatti e duri per piccole realizzazioni molto particoleggiate (bosso, acero melo, pero, ulivo, noce) legni teneri per cose da dipingere o dorare. Normalmente il tiglio è un buon compromesso, non troppo duro per i principianti, non troppo morbido per consentire buone realizzazioni. Ed è economico. L'affilatura dei ferri è affare personale e laborioso, per alcuni è un culto. Un ferro che non taglia è cento volte più pericoloso di uno ben affilato. L'ultimo consiglio è di disegnare molto, fare sculture in creta e acquisire occhio coi volumi. Il resto lo trovi nei libri. Non scoraggiarti agli inizi, io intaglio da tempo e ultimamente, per non perdere la mano, mi obbligo a fare un paio d'ore ogni tanto.

(Pino) Per i primi rudimenti vedi www.intaglio.f2s.com Ho recentemente iniziato a scolpire il legno per ricavare pezzi di una specchiera da restaurare che mancavano. Ho usato tiglio e cirmolo e mi sono trovato benissimo. Cura molto il disegno preparatorio cercando di non dimenticare mai che lavori in modo tridimensionale e riportando dunque il disegno su tutte le facce del pezzo da scolpire. Prepara veline delle varie facce del disegno da scolpire ti saranno utili per riprodurre continuamente il disegno mano a mano che sgrossi le sagome ed il disegno iniziale viene asportato con il legno. In fase di sgrossatura cura la sagoma e non cercare il particolare. Quando l'oggetto ha all'incirca raggiunto la dimensione e la forma (ma è un po' più abbondante, inizia a cercare i dettagli). Molto utile il consiglio di partire da un bozzetto di creta che non sostituisce il disegno ma consente di verificare le misure da ogni lato mediante un calibro. Molta pazienza e passione fanno il resto. Facci sapere i risultati. Non spaventarti davanti al pezzo di legno che inizi a lavorare; capita spesso ma dopo alcune sgrossate ti rendi conto della possibilità di riuscire.

(Walter) Ciao sono Walter. Riguardo ai tipi di legno da usare concordo con gli altri inizia con dei legni teneri a vena compatta. Si ottengono risultati soddisfacenti anche con essenze esotiche. Per quanto gli utensili affilati e di buona qualita' ti consiglio i seguenti siti almeno per farti un idea (www.stubai.com e www.stubaidirect.com) gli utensili sono di qualita' molto buona. Io tramite internet non li ho mai comperati preferisco vederli di persona vado ad Ortisei (Val Gardena zona di grandi scultori del legno) nella ferramenta del paese.